IV Novembre (Via)

Via IV Novembre.
Quartiere Saragozza.
Prima documentazione dell'odonimo: 1942.

Via IV Novembre oggi comprende l'antica piazzola delle Bollette che coincide con lo slargo che si nota entrando da via d'Azeglio fino a via de' Fusari.
Il resto della via in antichità (Zanti) era considerato parte di via Porta Nova (vedi). In seguito fu sempre chiamata Via delle Asse fino al XX secolo.
Lo Zanti aggiunse anche che via Porta Nova era conosciuta anche come Piazza Pularola, e probabilmente si riferiva proprio a questa via (e non all'attuale via Porta Nova).
La denominazione di Via delle Asse dipende da una cappelletta che è esistita fino a non molto tempo fa sul fianco del palazzo comunale all'antico numero 1192. La cappelletta fu eretta nel 1508 da una congregazione cosiddetta dell'Altare di Santa Maria. La Cappelletta originariamente era fatta di asse, il che diede origine al nome della via (Guidicini, I, 79).
Successivamente, nel 1606, la cappelletta fu circondata da muri con inferriata e nel 1660 fu ampliata, ma il nome rimase come Madonna delle Asse.
La Madonna delle Asse, staccata dal muro, fu trasportata il 28 novembre 1808 alla Certosa e conservata nel cosiddetto Chiostro delle Madonne, insieme ad altre immagini mariane provenienti da chiese sconsacrate durante il periodo napoleonico.
Per quanto riguarda l'antica Piazzola delle Bollette, questa era chiamata dallo Zanti Mal Cantone. Gli altri autori furono tutti concordi nel chiamarla Piazzola (o Piazzetta) delle Bollette, con l'eccezione dell'Alidosi che la considerò parte di Porta Nuova. Per Mal Cantone è lo Zanti che spiegò essere questo un punto in cui le correnti d'aria si incrociano in maniera da mettere a rischio la salute di chi vi staziona.
Sempre lo Zanti disse che Piazza Pularola, qual hora si dice porta nova, è dove stanno i polaroli e gli speltini. Cosa siano i polaroli aiuta la vicinanza con speltini. La spelta è un cereale, una specie di farro antenato del frumento. Quindi i polaroli di Piazza Pularola avrebbero a che fare con la pula di grano e non con i polli, come sarebbe stato più facile pensare.
Il nome di Piazzola delle Bollette è legato alla presenza (per lungo periodo di tempo) qui di uffici pubblici dove si riscuotevano i dazi (tra cui quelli delle meretrici, che, allora, pagavano le tasse (Salaroli)).
Nella chiesa di S.Martino delle Bollette (chiamata anche S. Martino dei Caccianemici Piccoli) aveva sede una congregazione detta dell'Aurora e per questo la Piazzola delle Bollette fu chiamata per qualche tempo anche Piazzetta dell'Aurora
Nel 1919 il Consiglio Comunale decise di modificare l'antico nome di via delle Asse con quello di via 3 Novembre,  volendo probabilmente ricordare il giorno dell’armistizio di villa Giusti, che avrebbe posto fine alla Grande Guerra. Senonchè nel 1942 si ritenne più giusto ricordare la data dell’entrata in vigore dell’armistizio, che fu il giorno dopo, il 4 novembre 1918 ed il nome della via fu mutato in via IV Novembre.


Fonti citate in questo articolo.
ZantiNomi, et cognomi di tutte le strade, contrade, et borghi di Bologna, di Giovanni Zanti  pubblicato nel 1583.
AlidosiNomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella città di Bologna, di Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi, pubblicato nel 1624).
SalaroliOrigine di tutte le strade sotterranei e luoghi riguardevoli della città di Bologna di Ciro Lasarolla (Pseudonimo di Carlo Salaroli), pubblicato nel 1743.
GuidiciniCose Notabili della Città di Bologna ossia Storia Cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati, di Giuseppe Guidicini (scritto prima del 1837, ma pubblicato nel 1868).