Valdonica (Via)

Via Valdonica.
Quartiere San Vitale.
Prima documentazione dell'odonimo: 1260 (Valdònica).

Questo odonimo è antichissimo essendo documentato già nel 1260, anno in cui si pubblicavano i bandi in Valdònica.
Gli estimi del 1296/97 riportana la strata e la via Valdonica.
Tutti gli autori concordarono su questo nome, pur se con varianti minime: Val Donegha dello Zanti, Valdoniga del Banchieri e Valdonega dell'Alidosi e del Salaroli.
Per quanto riguarda l'origine di questo odonimo, l'Avogaro (pag. 29) per primo legò dònica a dominica (di proprietà di un signore, dominus). Toponimi di questo tipo sono innumerevoli in tutta Italia, Si veda a tal proposito il lavoro di Remo Bracchi, "Toponimi bormini oscurati dall’evoluzione fonetica", pubblicato nell'opera Zeitschrift Für Romanische Philologie a cura di M. Niemeyer, Berlin 1993, dove le pagine dalla 333 alla 336 sono piene di esempi di questo tipo, come Vedoniga, Rivadoniga, Casadonica, etc., ed anche la località Dongo, tristemente nota per un episodio risalente alla fine dell'ultima guerra mondiale.
Quindi la nostra Valdonica era una Vallis Dominica, dove Valle trova la sua spiegazione con ogni probabilità (Fanti, II, 785) dalla vicinanza del torrente Aposa, qui spostato nel 1070, e dal fatto che questa via si trova immediatamente fuori della cerchia cosiddetta di selenite, e quindi qui probabilmente era un fossato, o avvallamento difensivo della città antica.

Fino al 2002 la via comunicava direttamente con piazza San Martino, quando venne intitolato a Marco Biagi lo slargo ad occidente della via, con la creazione della piazzetta Marco Biagi.


Fonti citate in questo articolo.
ZantiNomi, et cognomi di tutte le strade, contrade, et borghi di Bologna, di Giovanni Zanti  pubblicato nel 1583.
AlidosiNomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella città di Bologna, di Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi, pubblicato nel 1624).
BanchieriOrigine Delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi, di Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri), pubblicato da Clemente Ferroni nel 1635.
SalaroliOrigine di tutte le strade sotterranei e luoghi riguardevoli della città di Bologna di Ciro Lasarolla (Pseudonimo di Carlo Salaroli), pubblicato nel 1743.
Avogaro: Contributo onomastico alla corografia di Bologna antica, di Carlo Avogaro, in "L'Archiginnasio", Bologna, XVIII(1923) e XIX(1924).
Estimi 1296/97Atlante Storico delle città italiane. Emilia Romagna, 2 Bologna. A cura di Francesca Bocchi, pubblicato da Grafis, Bologna, 1995,1998 (contiene gli Estimi 1296/1297)
Fanti: Le Vie di Bologna. Saggio di Toponomastica Storica, di Mario FantiIstituto per la Storia di Bologna, 2000.