Dal Luzzo (Via)

Via Dal Luzzo
Quartiere Santo Stefano.
Prima documentazione dell'odonimo: 1583 (Via dal Luzzo)

Questa via è un esempio in cui nella ricerca dell'origine del nome, causa ed effetto si invertono (un altro caso importante, ma non unico, è quello di via del Riccio).
Infatti lo Zanti scrisse che fu una scultura murata su una casa in questa via e raffigurante un Luccio (tuttora esistente) a dare il nome alla via. Il Banchieri fece propria la spiegazione dello Zanti mentre altri (Salaroli, Guidicini, ) la accettarono tra le spiegazioni possibili pur aggiungendo l'ipotesi della derivazione dal nome di una famiglia.
In effetti, secondo Giovanni Gozzadini (Torri Gentilizie)  la famiglia Luzzi o Liuzzi aveva casa e probabilmente anche torre al numero 7 di via Santo Stefano all'angolo con via Dal Luzzo.
Appare così evidente che fu la famiglia Luzzi (o Liuzzi o Dal Luzzo) a dare il nome alla via. La scultura del Luccio fu con ogni probabilità generata dal nome della via interpretato come luccio (pesce) e non come Dal Luzzo (famiglia), e murata nella via alla stessa stregua di un cartello con il nome di una via.

Parecchi autori documentarono la via come via del Luzzo, altri come via Dal Luzzo.
La riforma toponomastica del 1873-78 fissò il nome della via in via Dal Luzzo.


Fonti citate in questo articolo.
ZantiNomi, et cognomi di tutte le strade, contrade, et borghi di Bologna, di Giovanni Zanti  pubblicato nel 1583.
BanchieriOrigine Delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi, di Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri), pubblicato da Clemente Ferroni nel 1635.
SalaroliOrigine di tutte le strade sotterranei e luoghi riguardevoli della città di Bologna di Ciro Lasarolla (Pseudonimo di Carlo Salaroli), pubblicato nel 1743.
GuidiciniCose Notabili della Città di Bologna ossia Storia Cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati, di Giuseppe Guidicini (scritto prima del 1837, ma pubblicato nel 1868).
Torri Gentilizie: Delle Torri gentilizie di Bologna e delle famiglie alle quali prima appartennero. Studj del conte Giovanni Gozzadini senatore del Regno e presidente della R. Deputazione di Storia Patria per le Romagne, di Giovanni Gozzadini, pubblicato in Bologna  presso Nicola Zanichelli, successore alli Marsigli e Rocchi, 1875.