Castel Tialto (Via)

Via Castel Tialto.
Quartiere San Vitale.
Prima documentazione dell'odonimo: 1251 (castellum Thedaldum).

Via antichissima, ricordata già dagli estimi del 1296/97 (Androna Castri Tedaldi), ma ancora prima da un rogito del 1251, 2 ottobre, che riporta la frase  "in contrata ubi dicitur castellum Thedaldum" (Guidicini, I, 268, 269; Archivio di Stato di Bologna, S.Francesco, 335/5078, n.108; Fanti, I 268), da un altro documento del 1268 in cui si legge "In strada Majori apud Andronam Castri Tebaldi" ed anche dagli Statuti di Bologna del 1262 in cui di parla della "putritudinem que descendit in castro tedaldo de sedilibus androne" (Frati , II, 622, Fanti, I, 268, 269).

Questo Castel Tialto venne descritto dallo Zanti che lo correlò ad un ebreo di nome Tialto che avrebbe avuto bottega con un castello per insegna.
Anche il Banchieri fece derivare l'odonimo da un ebreo, ma con una storia diversa, secondo cui Castel Thialt era un castello fortificato sui monti di Arezzo, che veniva affittato a degli ebrei. Uno di questi di nome Caldarese si sarebbe trasferito a Bologna dando nome a due vie vicine.
Il Salaroli invece ipotizzò l'esistenza di un castello o cittadella fortificata, ma di cui non si è mai avuto riscontro oggettivo, nè dal punto di vista documentale, nè da quello archeologico.
Esistette un Castel Tialto del ferrarese che fu oggetto anche di una battaglia e che fu espugnato dai bolognesi nel 1309, ma è da escludere che il nome della via ricordi la vittoria essendovi documenti, come si è visto, che ne testimoniano l'esistenza più di cinquant'anni prima.
Più probabile che fosse abitata da una o più famiglie provenienti da Castel Tialto e che ne abbia preso il nome di conseguenza.
Tutti gli autori sono concordi nel ricordare questa via come Castel Tialto con un paio di eccezioni:
- il Monari che con evidente errore la chiama Castellata, ma Castellata è da riferirsi altra via.
- La Tontina Mista che la chiama Castel d'Elti. Questo è interessante perché testimonia che il nome della via era in lingua bolognese: Castel Tiélt, che è stato italianizzato (malamente) nella Tontina Mista con Castel d'Elti (pronuncia quasi uguale: Castel Diélt).

Passata indenne la riforma toponomastica del 1873/78, la via ha ancora oggi il suo antico nome: via Castel Tialto.


Fonti citate in questo articolo.
ZantiNomi, et cognomi di tutte le strade, contrade, et borghi di Bologna, di Giovanni Zanti  pubblicato nel 1583.
BanchieriOrigine Delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi, di Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri), pubblicato da Clemente Ferroni nel 1635.
SalaroliOrigine di tutte le strade sotterranei e luoghi riguardevoli della città di Bologna di Ciro Lasarolla (Pseudonimo di Carlo Salaroli), pubblicato nel 1743.
MonariCittà di Bologna posta in pianta in esatta misura con la distinzione de portici che sono in essa, Pianta di Gregorio Monari, pubblicata nel 1745.
Tontina MistaTontina Mista ossia progetto per illuminare la città di Bologna, pubblicato a Bologna dal Sassi successore del Benacci, 1762
GuidiciniCose Notabili della Città di Bologna ossia Storia Cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati, di Giuseppe Guidicini (scritto prima del 1837, ma pubblicato nel 1868).
Estimi 1296/97Atlante Storico delle città italiane. Emilia Romagna, 2 Bologna. A cura di Francesca Bocchi, pubblicato da Grafis, Bologna, 1995,1998 (contiene gli Estimi 1296/1297)
Fanti: Le Vie di Bologna. Saggio di Toponomastica Storica, di Mario FantiIstituto per la Storia di Bologna, 2000.