Borgolocchi (Via)

Via Borgolocchi.
Quartiere Santo Stefano.
Prima documentazione dell'odonimo: 1296 (Burgus Luchus)

Questa via è documentata negli estimi del 1296/97 come Burgus Luchus. Salvo alcune varianti (Borgo Alocho dello Zanti, Borgolocha o Borgolocho dell'Alidosi, Borg Locc del Banchieri, Borgo Loco dell'Aretusi e Borgo Lovo (ma è sicuramente un refuso) del Taruffi) tutti gli autori furono concordi nell'assegnare a questa via il nome di Borgo Locco, ufficializzato anche della lapidette. Il Guidicini (I, 148), immaginando (e sbagliando) una derivazione del nome dalla famiglia Borgolocchi, scrisse Borgolocco (senza spazio). Che l'ipotesi del Guidicini sia errata è fuori di dubbio perché egli dice che questa via nel 1321 era chiamata via dei Lisignoli, dal nome di una famiglia che vi abitava. I Borgolocchi sarebbero stati eredi degli estinti Lisignoli, così che la via avrebbe cambiato il nome di conseguenza. Ma dato che già negli estimi del 1296/1297 la via era già Burgus Luchusquesto basta a smontare l'ipotesi del Guidicini: probabilmente avvenne il contrario, ovvero fu la famiglia Borgolocchi che prese il nome dalla via.
Lo Zanti fece derivare l'odonimo da una pianta che cresceva nel mezzo della via e su cui gli allocchi (rapaci notturni) avevano fatto il nido. Apparentemente in maniera incomprensibile, lo Zanti in questa spiegazione scrisse che nei paraggi era il cimitero degli Ebrei. Ancora il cimitero degli Ebrei viene nominato dal Banchieri, che però dà una spiegazione che, per quanto improbabile, almeno lega logicamente il cimitero con il nome della via: il fatto che dopo una cacciata degli ebrei da Bologna, il loro cimitero fu spianato con terra e locc, che ha il significato di pula.
Il Salaroli per primo ipotizzò la derivazione dalla famiglia Borgolocchi, seguito poi dal Guidicini e da altri, ma, come abbiamo già visto, questa ipotesi è insostenibile.
Il Fanti, dall'esistenza di un luogo qui dicitur burgo lucho nei presso di San Pietro in Casale nel 1268, ipotizzò che qualcuno originario di questa terra si fosse stabilito nella nostra via dandole il nome (Fanti, I, 210).
Non essendovi elementi documentali di sostegno, oltre all'esistenza di un luogo fuori Bologna con questo nome, questa ipotesi è difficilmente sostenibile.
Insomma, ci troviamo di fronte ad un altro mistero di Bologna.
In realtà il Fanti cita molto rapidamente una ipotesi di Antonio Ivan Pini, secondo cui Borgo Locco deriva da un Burgus Lucus, dove lucus significa bosco e questa ipotesi altrettanto rapidamente venne liquidata (dal Fanti stesso), per il fatto che è difficile immaginare un bosco che abbia ceduto il posto ad un borgo.
Credo che la derivazione da Burgus Lucus vada presa molto più seriamente di quanto sia stato fatto finora. Lucus non ha il solo significato di bosco (per la verità, quando il bosco è indicato da lucus è un bosco sacro), ma anche di radura, spianata ricavata tra gli alberi.
A ponente di via Borgolocchi c'era davvero il cimitero degli ebrei, che, dopo la loro cacciata nel 1569 fu rilevato dalle monache di San Pietro Martire e trasformato in orto.
Lo Zanti ricorda un albero. Non è inverosimile che il cimitero sia stato realizzato eliminando alcuni (non tutti) gli alberi che esistevano quasi certamente in quel pezzo di terra (teniamo conto che nel XIII secolo queste zone erano piene di vegetazione, il che voleva forse non proprio boschi, ma sicuramente vegetazione che comprendeva anche alberi). Ecco realizzato il lucus, luogo sacro (per gli ebrei) ricavato creando una radura tra gli alberi. Esattamente il significato di lucus (Thesaurus Cultus Et Rituum Antiquorum, J. Paul Getty Museumpag. 266).


Fonti citate in questo articolo.
ZantiNomi, et cognomi di tutte le strade, contrade, et borghi di Bologna, di Giovanni Zanti  pubblicato nel 1583.
AlidosiNomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella città di Bologna, di Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi, pubblicato nel 1624).
BanchieriOrigine Delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi, di Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri), pubblicato da Clemente Ferroni nel 1635.
AretusiOrigine di Bologna. Pianta di Bologna di Costantino Aretusi, pubblicata nel 1636.
TaruffiAntica fondazione della città di Bologna degnissima madre di studj, di Gianandrea Taruffi, pubblicato nel 1738.
GuidiciniCose Notabili della Città di Bologna ossia Storia Cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati, di Giuseppe Guidicini (scritto prima del 1837, ma pubblicato nel 1868).
Estimi 1296/97Atlante Storico delle città italiane. Emilia Romagna, 2 Bologna. A cura di Francesca Bocchi, pubblicato da Grafis, Bologna, 1995,1998 (contiene gli Estimi 1296/1297).
Fanti: Le Vie di Bologna. Saggio di Toponomastica Storica, di Mario FantiIstituto per la Storia di Bologna, 2000.