Giacomo Venezian (Via)

Via Giacomo Venezian.
Quartiere Saragozza.
Prima documentazione dell'odonimo: 1919. 

Questa via comprendeva anche il lato orientale di piazza Franklin Delano Roosvelt prima dell'apertura di quest'ultima, avvenuta tra il 1933 ed il 1935. 
Il nome più antico di questa via era Fieno dalla Paglia (Zanti), Fen d'la Paia (Banchieri), Fieno e Paglia (Aretusi e Alidosi, che aggiunse detti i Stallatichi).
La ragione di questo nome antico (documentato fin dal 1400, vedi Guidicini, I, 203) venne spiegata dal Guidicini (I, 202) che scrisse che qui erano le pese della paglia su cui si pagava il dazio.
Il Mitelli indicò questa via con il nome di Piazzola del Carbone.
Il Salaroli distinse Fieno e Paglia, detto anche gli Stallatici per la parte settentrionale della via, mentre la parte più meridionale, quella oggi scomparsa ed inclusa in piazza Franklin Delano Roosvelt, era Piazzola del Carbone.
La Tontina Mista registrò Via del Carbone, riferendo questo nome alla parte settentrionale della via.
Le lapidette fissarono il nome in Piazzola del Carbone, nome che venne poi mutato con la riforma toponomastica del 1873-78 in Via del Carbone.
Una delibera consiliare del 31 maggio 1919 cambiò il nome della via nell'attuale.

L'odonimo Via del Carbone, secondo il Fanti (II, 793) era dovuto alla vendita del combustibile che ivi si effettuava.


Fonti citate in questo articolo.
ZantiNomi, et cognomi di tutte le strade, contrade, et borghi di Bologna, di Giovanni Zanti  pubblicato nel 1583.
AlidosiNomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella città di Bologna, di Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi, pubblicato nel 1624).
BanchieriOrigine Delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi, di Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri), pubblicato da Clemente Ferroni nel 1635.
AretusiOrigine di Bologna. Pianta di Bologna di Costantino Aretusi, pubblicata nel 1636.
MitelliBologna in pianta, città del Papa, famosa pianta di Agostino Mitelli, pubblicata nel 1692.
SalaroliOrigine di tutte le strade sotterranei e luoghi riguardevoli della città di Bologna di Ciro Lasarolla (Pseudonimo di Carlo Salaroli), pubblicato nel 1743.
Tontina MistaTontina Mista ossia progetto per illuminare la città di Bologna, pubblicato a Bologna dal Sassi successore del Benacci, 1762
GuidiciniCose Notabili della Città di Bologna ossia Storia Cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati, di Giuseppe Guidicini (scritto prima del 1837, ma pubblicato nel 1868).
Fanti: Le Vie di Bologna. Saggio di Toponomastica Storica, di Mario FantiIstituto per la Storia di Bologna, 2000.