Carro (Via del)

Via del Carro.
Quartiere San Vitale.
Prima documentazione dell'odonimo: 1583 (Bel Carro).

Il nome più antico documentato di questa via è Bel Carro.
Così la chiamò lo Zanti nel 1583, Belcarro l'Alidosi, Bel Carr il Banchieri nel 1635 e ancora Bel Carro l'Aretusi nel 1636.
In seguito il nome della via cambiò in Via del Carro. Così è infatti indicata nella pianta del Mitelli ed da tutti gli autori successivi.
Fa eccezione il Salaroli che riporta entrambi i nomi: Belcarro o Via del Carro.
Via del Carro fu il nome ufficializzato dalle lapidette, e tale è arrivato a noi.
Non vi sono certezze sull'origine del nome.
Una famiglia dal Carro abitò a Bologna, ma pare non in queste zone (un Francesco dal Carro è documentato in via del Pratello nel 1611) (Guidicini, IV, 296).
Lo Zanti per Bel Carro diede una spiegazione semplice, ovvero che qui era un carro particolarmente bello ed ornato che venne tenuto per parecchio tempo in mostra dal suo costruttore, per cui la via prese il nome di Bel Carro. Su questa spiegazione non ci sono elementi oggettivi per esprimere giudizi.


Fonti citate in questo articolo.
ZantiNomi, et cognomi di tutte le strade, contrade, et borghi di Bologna, di Giovanni Zanti  pubblicato nel 1583.
AlidosiNomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella città di Bologna, di Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi, pubblicato nel 1624).
BanchieriOrigine Delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi, di Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri), pubblicato da Clemente Ferroni nel 1635.
AretusiOrigine di Bologna. Pianta di Bologna di Costantino Aretusi, pubblicata nel 1636.
MitelliBologna in pianta, città del Papa, famosa pianta di Agostino Mitelli, pubblicata nel 1692.
SalaroliOrigine di tutte le strade sotterranei e luoghi riguardevoli della città di Bologna di Ciro Lasarolla (Pseudonimo di Carlo Salaroli), pubblicato nel 1743.
GuidiciniCose Notabili della Città di Bologna ossia Storia Cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati, di Giuseppe Guidicini (scritto prima del 1837, ma pubblicato nel 1868).