Restauro Palazzo Re Enzo - 2 - Trasformazioni ed abbattimenti

https://lh3.googleusercontent.com/KlgpXPbXFUMEp16_4RuLd98qbfqPMFKza2ds5-UjgJEb=s1600   https://lh3.googleusercontent.com/YcbBhFIbxdlTL3xlLwnjBHkhudOcnePABeve17WKQ83N=s1600

https://lh3.googleusercontent.com/A6cqblNmetWOir28E9M73qzE-V79_6WrfWAjo5QYOnIa4J2YNQHhhe_jUbnCoFbzGMFBUg4o6zJ_F6jUrD8PSJ-Bj0pyQOz211FksknRP8iE3GgFAyz2tGcBaMt6TiUm6m5T8InEqliEpu54TulMCj2hDa1lR4QfKGofUQH3l1i3oxgSIUsRVrk7wYtIfwbhpFt267PfVT7OqXOFBRPCV-mksVb0IrOdgfWjdrNwRNt3M2eJZ72e_z_1vsdnLmlTxaCI1q-jHJlcOQkYhFDOSwrjlCnMke-g3G5lbCq410SLhxJc5enGycH6Z6SxhQUH2Vcc0q6g19dEL7a_lz6ZabmQZTDUy4vY7mN4LEgBGVJp3grZIAXjtsxLAy6DVZu4tQ06VTLdObZ2ciQyALaNYtCJp1rVEdWBDRN-X7kqOXaAv7dvhycvqaUsvnK80zvaQzSxkPGyCMWLLJCt8Mvq0-XOCBPxiIlR0Vcr3GvSs2O6T5ruhGQcubyP9oX3tjrnLeaKWSTpVOmT9RekXSCYcUBS5GfbxcZ_JR2wjrhfos7Yggk4wPTbRuDM4xq1Kya3YN-QsMh7Ym_LaBYpuPMmva5LTH1bK4qeW4BdeKTN0wRc7oznrw=s1600

Anno 1906: In queste foto si vede il Palazzo Re Enzo in cui sono state chiuse le finestre rettangolari, rispristinate le finestre gotiche e "ripristinata" (?) la merlatura. Il Voltone della Corda (a sinistra del Palazzo Re Enzo) e la residenza degli Uditori di Rota (a destra del Palazzo Re Enzo) sono ancora intatti.

https://lh3.googleusercontent.com/-yFtsJVBe8Wo/VnMJoZwsvzI/AAAAAAAA8z0/xi4lm2cTvds/s1600-Ic42/zzz11.JPG


https://lh3.googleusercontent.com/5E_DEF_XpqXYgQRJJmMfWErBjiUCFXVWEHqpevrF1hMw=s1600
Anno 1910.E' iniziata la demolizione della residenza degli Uditori di Rota, collegante il palazzo del Podestà ed il Palazzo Re Enzo. Il Voltone della Corda è ancora al suo posto.

https://lh3.googleusercontent.com/-DgteUvzkxz-ZP7Psr1hv5dB0gqnx6qBpEkwG8VY1aHb=s1600

https://lh3.googleusercontent.com/-5O2jV-80pIM/VnMJoddIKMI/AAAAAAAA8z0/agfs3gxvqTQ/s1600-Ic42/zzz21.JPG

Anno 1911: Il Palazzo del Podestà ed il Palazzo Re Enzo sono stati isolati.  Il Voltone della Corda non c'è più, sostituito da un vicolo, ed il palazzo a sinistra di tale vicolo (casa Campogrande) è stato notevolmente ribassato.

https://lh3.googleusercontent.com/-az2n3Fz6FDQ/VgLoX0UhPwI/AAAAAAAA2dA/GLRtAwXiElM/s1600-Ic42/B1.jpg
Anno 1912: Casa Campogrande è già stata abbattuta e si vedono i resti in basso, in questa foto.

https://lh3.googleusercontent.com/s99XtuJUEnzj7j70WzRO5p-POC10aILu1O2-yuyhcD2n=s1600
Anno 1912: Dietro al Palazzo Re Enzo si vede l'Albergo delle Tre Zucchette, (non c'è  più la casa Campogrande che lo rendeva invisibile da questa prospettiva) prossimo anch'esso alla demolizione.

https://lh3.googleusercontent.com/KqT47f3TvhZ4ZoRroIuNtnBXanCxCuoQdEdjMvUISI7W=s1600
I lavori di rispristino (in realtà, in gran parte, di invenzione e di fantasia) della corte tra il Palazzo del Podestà ed il Palazzo Re Enzo.

https://lh3.googleusercontent.com/tN6yu-qu74tvEn2wB4-ZbvHV2DuUo99KdUSd3vHEzga5=s1600
Anno 1913: Ultimazione degli abbattimenti sulla ormai prossima Piazza Re Enzo. Gli ultimi mattoni sono quelli dell'Albergo delle Tre Zucchette e dell'Arte dei Merciai.

https://lh3.googleusercontent.com/sxsTdKqFodi6DbqtDYuhXzqa8dW_SQAm9G9tXnr11LbN=s1600
Ormai i lavori di demolizione sono terminati. Rimangono poche impalcature a sostegno di alcuni "restauri" nuovi di zecca.

https://lh3.googleusercontent.com/-rSQrBrm0RX4/Viq9TS1vFUI/AAAAAAAA3aE/sCftVVYBIBo/s1600-Ic42/Z1.jpg
Anno 1913: il cantiere di sventramenti ed abbattimenti sta procedendo. Il progetto prevedeva quattro lotti di cui il primo si concretizzò nel Palazzo Ronzani (già visibile nella foto, e che prese il posto del quattrocentesco palazzo Lambertini); il secondo lotto corrisponde all'isolato tra la via Artieri (creata per l'occasione) e via Calzolerie; il terzo lotto ed il quarto lotto completano il tratto tra via Calzolerie e Piazza di Porta Ravegnana / Piazza della Mercanzia.