Restauro Palazzo Re Enzo - 1 - Prima del 1905




Ecco come appariva il Palazzo del Podestà ed il Palazzo di Re Enzo nel 1900

https://lh3.googleusercontent.com/-9uWuR-I4WVg/Vfi5iv9PXTI/AAAAAAAA2N0/mybkM00uzVg/s1600-Ic42/A1.jpg 

https://lh3.googleusercontent.com/-RGPoVD4I_tA/VhWWR9-VA0I/AAAAAAAA27s/DcwY_qg2p_k/s1600-Ic42/F1.jpg   https://lh3.googleusercontent.com/-7cYO7RIb1qw/VgGbkgqwu6I/AAAAAAAA2Ys/PQkBjdz5JNU/s1600-Ic42/A1.jpg
A destra del Palazzo del Podestà, dove si vede un chiosco, era Piazza Uccelli. Dietro il Palazzo del Podestà si apriva Via Accuse. A destra della casa (ora scomparsa) tra il Palazzo del Podestà e il Palazzo dei Banchi era Via Spaderie. L'angolo a levante della casa scomparsa era nota come Cantone degli Elefanti, dalle armi (dipinte o in rilievo) della famiglia Fantuzzi (o Elefantuzzi) presenti sui lati est e sud. Da notare il cornicione d'angolo del Palazzo del Podestà, che rivela una proposta di restauro. Segno che la trasformazione (con i relativi abbattimenti) è vicina.

https://lh3.googleusercontent.com/-IWf-p3dDaVo/VgGbknga0VI/AAAAAAAA2ZM/3MO8U_n25sE/s1600-Ic42/A2.jpg
Via Spaderie. Al centro il famoso fittone. In fondo si vede il fianco del Palazzo dei Banchi. Tutte le case sulla destra e sulla sinistra furono completamente abbattute negli anni seguenti.

https://lh3.googleusercontent.com/MH9kkFOr6L4Q2ErvtQbUtHhX4Qd6Lb4c--eawjpxaA67=s1600
A sinistra una Via Rizzoli molto stretta fa appena intravedere la Torre degli Asinelli. Al centro è ben visibile il Voltone della Corda. Il Voltone della Corda deve il suo nome supplizio della corda che veniva inflitto mediante una girella infissa sotto al voltone stesso dal 1604. Precedentemente il supplizio della corda veniva inflitto nell'angolo del Palazzo del Podestà verso via Orefici. A destra del Voltone si vede il Palazzo Re Enzo come appariva prima dei restauri: le finestre gotiche sono tamponate ed appena percettibili, mentre invece sono ben visibili cinque (uno è coperto dal francobollo) finestroni rettangolari, opera di trasformazioni successive. Tra il Palazzo Re Enzo ed il Palazzo del Podestà c'è un edificio, risultato di superfetazioni cinque-seicentesche: si tratta della residenza degli Uditori di Rota (ovvero dei giudici delle cause civili), risalente al 1572. Da notare che il bordo del tetto del Palazzo Re Enzo è allineato con quello della superfetazione, che a sua volta è allineato (si vede in una altra cartolina più sotto) cin quello del Palazzo del Podestà.
Sopra il Voltone della Corda si legge Albergo e Ristorante Tre Zucchette, che in realtà era in un altro edificio sulla Piazzetta della Canepa a cui si accedeva appunto dal Voltone. 

https://lh3.googleusercontent.com/-VCy1sMSOAtY/VgLoX5X8hBI/AAAAAAAA2dA/qNUwRtlNG_o/s1600-Ic42/C1.jpg
L'imbocco della Via Rizzoli. Al centro si nota l'insegna del famoso Hotel Stella d'Italia Aquila Nera. E' posta su un piccolo edificio costruito nel 1827 a chiudere un antico vicolo (che si intuisce dall'intercapedine tra l'edificio della banca commerciale e l'edificio alla sua destra) not in antichità come Vicolo delle Olle. Da notare anche l'insegna del Calzaturificio di Varese.

https://lh3.googleusercontent.com/-cIWNVHGpSfs/ViKOBvv_WFI/AAAAAAAA3W8/6Bz8cIj7vm0/s1600-Ic42/F1.jpg
Altra immagine dello stretto imbocco di Via Rizzoli. L'edificio sulla destra ospitò l'Osteria del Moro.


https://lh3.googleusercontent.com/gk4TvW57Pfi-JlFG25HQlwKjRLEFRMEHvBiz1rvdtK4q=s1600
L'Albergo delle Tre Zucchette. Ben visibile la Piazzetta della Canepa (e la via della Canepa che sboccava in Via Rizzoli. Ben visibile anche l'edificio in angolo tra via Rizzoli e Via Roma (oggi via Fossalta) che nasconde la Torre Ramponi. A sinistra si va verso il Voltone della Corda (non visibile). A destra è appena visibile lo spigolo dell'Albergo delle Tre Zucchette che segna la sottostante Via Accuse. Su quel lato (non visibile in questa foto) era la sede dell'Arte dei Merciai.