Volta dei Sampieri

Denominazione moderna(2015): Via Sampieri.

Guidicini.
Da Strada Stefano a Strada Castiglione.
La Volta dei Sampieri comincia in Strada Santo Stefano dirimpetto alla via del Luzzo e termina in Strada Castiglione dirimpetto a quella delle Chiavature.
La sua lunghezza è di pertiche 15, 02, e la superficie di pertiche 17, 93, 9.
Un rogito di Alessandro Chiocchi del 1579 la chiama via Rialto, ed un altro di Tommaso Poggi delli 9 ottobre 1621 via Battibecco.
Qualche volta si trova ancor detta via del Luzzo, considerandola la continuazione dell'altra che termina a Strada Maggiore.
L'attual nome lo ripete dal voltar dei cavalli barberi per questa strada in occasione della corsa dei pali di S. Ruffillo e di Benedetto XIV, che cominciavano dalla porta di Santo Stefano e terminavano al Salario, e cioè nella piazza del palazzo antico dei notari.
La prossimità delle case dei Sampieri aggiungeva il cognome di questa famiglia alla detta strada, per distinguerla dall'altra Volta dei Barberi a capo della via dei Vetturini.

Particolare tratto dal Catasto Gregoriano (1835) della città di Bologna, messo a disposizione dall'Archivio di Stato di Roma con il progetto "Imago II".

Volta dei Sampieri a destra entrandovi per Strada Stefano.

Volta dei Sampieri a sinistra entrandovi come sopra.

Portone che chiude il viotolo Pepoli, e che nel 1552 conduceva ai giardini dei palazzi Pepoli.
Li 10 marzo 1608 i Pepoli avevano ius e possesso di tenere un portone chiuso sotto un voltone fra le case dei Cospi e dei Muzzarelli nel vicolo pubblico fra la strada delle Chiavature e della via del Luzzo dirimpetto al fianco delle case dei Sampieri, per il qual portone si passava ad una corticella. Questo era il principio dell'antica strada detta il Paexe, o Paese, o Paisio, la quale a destra aveva le case dei Muzzarelli, poi quelle dei Pepoli, ma queste restavano divise da un braccio di questa contrada, che sboccava in Strada Castiglione.
https://lh3.googleusercontent.com/QUkmtMJtSBrlNTGzFtLlutbR-5jOroUIoGtkImslWiHU9s3UYQbpru3GYbRoSjZAZyXGF1lA548vdFwJ5ulxa-EgS6sJCpnnwRtoovIi20zmDWnHjM8DVUCsiniJ_UkTdl7sSH5pzt4x9HPSV7ULP6BEJrzuiHcaXeyIo0JyYzIOiRuD326vRJwIagNPlRSXn1VrswY7D67u0DbwBZRwFk5vpl9hyPGJYu-JRkgtwSmQK-tkEv25n-vXXV7M2BTvLR6xBtco52TvvXcUG7vTKdPaqgG9i8RxWD6h67n4-JMQtduIyqWDrgwdfeCxSTORqLYRpt3iEAhuJR0dKMZS3FSR4ipymtbU4TIyU2eXSY3ROXn0WWK52rpGJ23Ug-z5s3D-z8qLpdMqVH0GebAH71krpLB_TgsSRuDL0qYL6IGZqHvAi19y0w6XZQFHEN5_3khGrx2M3ZiKJ5sn5BhS0k3ODYp3fCIWIJBTtoXhG5w6XQNGuy1JTrpBHb6CYKwhCbYQoci2_4sg7Z9-ybKdxrWT5BCXIDplepM1Mf8ksLNIX4Q2-Dy9Pr4pFB2vtxYU9S6nllbeTfPGyjRGzy46jEkfETEU1AJ6RjKQTsW8BjusGGvLJ-SJu0dDgC6L9piMTBJoCmkRpq9zQ9UNa0CGg_zau77VvdR-0w=s1600
Immagine tratta dagli schizzi topografici disegnati da Giuseppe Guidicini a corredo delle note manoscritte delle "Cose Notabili ..." e pubblicati per la prima volta da Arnaldo Forni nel 2000.
(Nord verso l'alto). Isolato compreso fra Strada Castiglione (via Castiglione), Strada Stefano (via Santo Stefano e via Rialto (via Sampieri). In alto il palazzo dei Mercanti.