Vignazzi della Via del Cane



Denominazione moderna(2015): Via Francesco Morandi.

Guidicini.
Dalla via del Cane alla via Larga di S. Domenico di dietro al palazzo Marsili.
I Vinazzi o Vignacci della via del Cane cominciano in detta via dirigendosi verso ponente, poi piegano a mezzodì, e terminano nella via Larga di S. Domenico. Quest'ultimo braccio si dice ancora Piccoli Vignacci
Un Vignazzo della via del Cane comincia dalla casa che fu dei Fantuzzi nei Vignazzi suddetti e termina nella via Larga di S. Domenico presso la casa che un tempo fu dei Fava.
Tutti compresi sono lunghi pertiche 34, 02, e di superficie pertiche 64, 74, 1.
Il Lasarola (Carlo Salaroli) opina che la via Larga di S. Domenico, la via del Cane, e i due Vinazzi fossero detti anticamente Vignazzi, o Vignacci, e poteva aggiungervi anche la via dei Mattugliani. Sembra però che il suo vero nome sia stato quello di Vignazzi di S. Procolo, come si apprende da un rogito di Alberto Bonfiglioli in data 21 settembre 1270, e da un altro di Guido Zambonini delli 11 giugno 1325, i quali parlando dei legati fatti da Giacomino degli Aspettati, ricordano quello fatto ai Domenicani della sua casa posta sotto S. Procolo in contrada detta il Vignazzo.
L'etimologia del nome viene dalle tante vigne che . si trovavano in questi contorni. Nel secolo XVI, sotto la data delli 9 novembre 1530, vien detta Vignazzi. alias Solimani, probabilmente perché abitava in questi contorni tale famiglia, e precisamente al N. 1024, o 1032. Dopo il 1354 non si ha più memoria degli Aspettati, e l'ultimo di questa famiglia di cui si fa menzione è Garzolino fatto decapitare dall'Oleggio nel luglio del predetto anno.
Mastro Solimano di Bonazunta medico, e la sua discendenza non oltrepassò il secolo XIV. Di questa famiglia si trovano un P. Giovanni di Rustighino nel 1362 e un frate Paolo di Nicolò nel 1381, ambidue domenicani ed inquisitori di Bologna. Si trova però che i Domenicani vendettero ad Antonio del fu Carlo Solimani due case poste sotto S. Procolo. Si dissero ancora Solimano, e credonsi venuti da Faenza nel 1194. Le loro prime case le ebbero sulla piazza Maggiore. In contrada Vignacci di Porta S. Procolo nel Trebbo davanti M. Belenzone Petrizolo ed altri vi si pubblicavano i bandi nel 1251, e generalmente nel 1289 nei Vignacci.



Vignacci della via del Cane a destra entrandovi per la via del Cane.

Vignacci della via del Cane a sinistra entrandovi come sopra.

Si passano i piccoli Vignacci.