Carbonara (Vicolo)

Denominazione moderna(2015): interno di Via Carbonara.



Guidicini.
Vicolo Carbonara, senza lapide, comincia nella via di detto nome, e termina senza uscita.
La sua lunghezza e di pertiche 6, 07, e la sua superficie di pertiche 10, 10, 7.
Altra volta piegava a sinistra facendo capo a via Canonica, ed era detto Stronzo muffo.

Particolare tratto dal Catasto Gregoriano (1835) della città di Bologna, messo a disposizione dall'Archivio di Stato di Roma con il progetto "Imago II".

https://lh3.googleusercontent.com/NxH3BFxsrUXS9IurGjmrUfXQ0IXtmRwr3lz26SNIXHm9fy3BFMgT42ijsOHkAG9k0dRBKHDIGdwzWH3-JX7hf0S2z5iUYaafW60e1vnp-evrTavOzwth3bAQgn2w3R2E711lT_VLuWTYbyX2PXDz3_TfDZVCq2xzcYJVXGyXSEJcHmnKiE6W1tZXw_MHmKGJmsi3C6PoUSonAt8UTlKZbTmICVasMY8KC300DxRs894AybQNJNWiOvkcHV02EpFDXBJHcmGckf8Woq5RnItYd1osk88sq0xpf-Olkh5EamqAXvL-UiH8uMU-T8QEHrWvx_5NIDt3HLJxTrUq-lR0HkvZkIomn6pC7G5xCEqa4CAHLsjjQu_glZUwRgS_VD9p3Rufw42jKRyYRyGtX9Kb5MsTurxZcGcBxXw5GPYiR7zN6Qx7Rij5YWAQU7uxxB_6eYEenwyJFm2LpESXDiqiuxKrDUOL5nLHemVp34-N-zxvsl_xigOjIpNphNaAgDQFG6PpzuMXG_hIkwIaf7_tfDS6gs2hnUUs6Qt1o1zSMnF7887MydJpKPKna3Tl3VzuTJY75LmMYD0CcrZBaewpUeki25x1cR5P7qIVCIWf_xukmioQqcMKyB0Km3dWOcNvN4lKg_VjZhTRRVSrDZV5_brOQj7wwIcGSg=s1600
Immagine tratta dagli schizzi topografici disegnati da Giuseppe Guidicini a corredo delle note manoscritte delle "Cose Notabili ..." e pubblicati per la prima volta da Arnaldo Forni nel 2000.
Il Nord è verso l'alto. Via Canonica, oggi via del Monte, tratto dalla scomparsa via Boncompagni a via Carbonara. Da notare, il vicolo (chiamato dal Guidicini Vicolo Carbonara) che si diparte verso occidente da via Carbonara, per poi piegare bruscamente verso sud e finire su via Canonica da questa separata da un portone all'antico numero 1718.
https://lh3.googleusercontent.com/3m6SOVfIqvJzDPsyiz5aWb-5SHnOjS7Z4T761tNxMXxEVwjgBAfjK-5oX7CbZ396abjvRdCMLh1EI0fhpz0GWbU2M1G55U3VxEj-Iu3ilyLSpIrzqFoo736urEuwrVXLnkCdK4p5aw5hTTOY40WFUGMXzaJTYbsaXxW7K9w23hXU1E62JhaY1TmKxzm3X_CYJoinxFvwZhlJyMsTT85XpHKYPuuG3xHT7KCivyxO5YSFfOc7Ju0zXWS0Fy15vUpOQBTycVQZkbVQMt0kXO4bb90FVsgdsAu-rr-bq2sF4b5lp3fE6_dGIXAGVoJR1kI8AyPFwt4MYS7qyppf4QgR-Yw7gvFHrnYJkjfWRF5k_in-tTRxpj2CFpOaDbQsDwC_iwKFNQnwEcZmwTyoO8LgDHY-PLpnu-2o5mIlG01zuE9AsHhj_CatqhuQ2xVC-X9ar0eUmT4A_i_fXYXx0cOGq_uCwv3N_APjemjtB7xMswiOq7qst58fux78N2gqn8VtcaakdglbITD9Qp1JhkCH1NnjFvJIpAx0rAlTo5-zc6EMOoij_UmwLC9F9mohOeUKu6ka-YLUi0rh5aWTb0IyQhpDYqkD4zYlTOsKMm4qWCwP0-tpHJI-0CaWocfXlTW-uFiPUJjEJzFPSVFIiaN4zhUmC_NMKr0w8g=s1600
Immagine tratta dagli schizzi topografici disegnati da Giuseppe Guidicini a corredo delle note manoscritte delle "Cose Notabili ..." e pubblicati per la prima volta da Arnaldo Forni nel 2000.
Il Nord è verso sinistra. Si notano dall'alto in basso: via Albiroli tra via Monari (oggi via Goito) e via Canonica (oggi vie del Monte); via Carbonara con il Vicolo Carbnara (oggi compreso in via Carbonara) e lo sbocco su via Canonica un tempo conosciuto come Stronzo Muffo ed oggi non più esistente; via Boncompagni, oggni non più esistente, anche se perfettamente leggipile, a ponente del palazzo Boncompagni; via delle Donzelle, con il vicoletto anonimo che passa dietro alla scomparsa chiesa dei Santi Giacomo e Filippo dei Piatesi e alla sua canonica (edifici entrambi scomparsi).