Venezia (Via di)

Denominazione moderna(2015): Via Caduti di Cefalonia.

Guidicini.
La strada detta Venezia ha il suo principio nella via del Mercato di Mezzo, e il suo termine in quella di Altabella in faccia al voltone dell'Arcivescovato. La sua lunghezza è di pertiche 16, 04, e la superficie di pertiche 19, 91, 3. Fu detta via dei Cavrari, via dei Veneziani per esservi stabilita la posta per i domimi veneti, e via Cornachina, come risulta da un rogito di Gaspare Ponticelli delli i 12 gennaio 1531.
Nel 1489 questa via fu ristretta nell'imboccatura del Mercato di Mezzo a piedi 15 1/2 da Alessandro Buttrigari che fabbricò una sua casa a ponente e che aveva degli angoli fino ad arrivare alla casa di Michel Angelo Galassi la prima a sinistra in Venezia.
In principio era essa larga piedi 16 1/2 per la lunghezza di piedi 21, .e più avanti era larga piedi 20 1/2 per la lunghezza di piedi 13. Nel 1630 in questa strada vi era l' uffìzio dell' Imposta.

Particolare tratto dal Catasto Gregoriano (1835) della città di Bologna, messo a disposizione dall'Archivio di Stato di Roma con il progetto "Imago II".

https://lh3.googleusercontent.com/O_rlZ7-XU-7UPG6RsDjd05nFRWVgOZVX_b9Wgx8d2Im8IGsaJoz_TMF7QdGCJrtkZLXBZSjMezq0pZpR1M004TfHsf6zcNR6K7ur6JRg3Nv36g5GXW3Gb5Lj8whsTBRKC47CwuF_t9UcdtaJEGb8CcVAEbIv7xHnGzGOxfJTHd8DGy91IrDpTrXvYUSB9ocToNyvPBfa9zRoc4gRCSvTrsr46WpZtGv8ck8sM9l4ppX-lk-KEIAiscMQRbBpxbfJRFng3jlZtwL2p8XB0eSHPbNmPKwJz4l-IGOPxcVycsOAXKol1WH73aJYnCmRllqB4qZYxBTZIg0enlElIuRM4fU-Yns7jisHfuFgx-zsuB5DLxIZw2vaE9IIB6UeT35zmPtzSlshmET8_HU9e-h1MgqOXFuxtuAyMbpq3fLVCj3NoVRZDm07mLNN5Qi9Gt26xjXdaKIJvs_eBJNM15EQtIQCLP0T962MKU7Z5bdrxE_wnaucqLbDKAZF6pWhjp8cvPnYWr1yVqseYqX3a1RckdfFIgWZUKzf9UVASBWkdH4SgZ9WVZGOde62moHdMxfjy2CMvuZWo6TodfN0zjAaPjTG0nE8NuX5eLGJx6eF=s1600
Immagine tratta dagli schizzi topografici disegnati da Giuseppe Guidicini a corredo delle note manoscritte delle "Cose Notabili ..." e pubblicati per la prima volta da Arnaldo Forni nel 2000.
Il Nord è verso il basso. In basso è il lato meridionale di via Altabella, con le case dai numeri 16120 al 1624 che vi si affacciano. A sinistra via Venezia (oggi via Caduti di Cefalonia). In basso a destra è disegnata la torre Altabella. Il vicolo disegnato in alto è una androna (oggi scomparsa) che collegava via Venezia con via Pini (anch'essa scomparsa) e proseguiva con il vicolo Calanchi (scomparso) fino a via Cavaliera (oggi via Guglielmo Oberdan).

Via Venezia a destra entrandovi per il Mercato di Mezzo.



Via Caduti di Cefalonia 5 (N.1749) (Dario Uri, Carlo Pelagalli).


Via di Venezia a sinistra entrandovi per il Mercato di Mezzo.

La maggior parte degli stabili lungo questa strada appartenevano li 18 agosto 1569 a Gio. Battista del fu Alessandro Bottrigari come consta dal suo testamento col quale li disiribuì a Galeazzo e ad Ercole Bottrigari suoi eredi.



Immagine da inserire

Via Venezia da nord a sud. In fondo si vedono le case del Mercato di Mezzo prima degli abbattimenti. L'imbocco della scomparsa via Spaderie è subito a sinistra.