Trebbo dei Carbonesi

Denominazione moderna(2015): Via de' Carbonesi.

Guidicini.
Il Trebbo dei Carbonesi, per seguire la nomenclatura delle lapidette, comincia dal piazzaletto della chiesa di S. Paolo, e termina in istrada S. Mamolo.
La sua lunghezza è di pertiche 31, e la sua superficie di pertiche 66, 41, 4.
Il vero nome di questa strada era Trebbo della Croce dei Santi, ed anche Trebbo dei Torelli, o via della Croce dei Santi di Barbaria, come pure via dei Libri. Di Barbaria per continuazione di quella cosi detta via che comincia dalla Seliciata di S. Francesco, di via dei Libri per continuazione dell' altra che comincia dal Pavaglione. Si trova ancora detta via dei Santi, e qualche volta via della Croce dei Santi. Trebbo era una località dove radunavansi operai ed artigiani, facchini, brentadori per aspettare lavoro, ed al Trebbo vi si univa il nome della famiglia che vi abitava più prossima.



Via Trebbo dei Carbonesi cominciando a destra dalla parte della chiesa di S. Paolo e terminando a Strada S. Mamolo.

Lungo questa strada e da questa parte vi era il portico cominciando dalla via Val d' Aposa fino a Strada S. Mamolo, che fu fatto demolire nell'aprile 1408.



Si passa la via di Belfiore.


Si passa Val d'Aposa.





Trebbo dei Carbonesi a sinistra cominciando da Barbarla e terminando in S. Mamolo.

Si passa la via Val d' Aposa.