CRONOLOGIA DEI GOVERNI DI BOLOGNA che dalla sua fondazione esistettero fino a tutto l'anno 1818.

Nota del Breventani;
N.B. Il lettore sia cauto per intendere le date che alcune volte indicano il fine delle domincazioni, altre volte l'epoca dei fatti. Questa Cronologia è meglio disposta nel Diario Bolognese  del nostro Autore, edito nel 1888, Vol. IV, p. 63.
                                                                      Era avanti  durata
                                                                      Gesù Cristo d'epoca
Fondazione di Felsina, detta poi Bologna, fatta dai popoli Toscani nel    1178
Governata dai Re dell' Etruria fino al                                     577      601
id. dai Galli Boj in forma di Repubblica,
e come Capitale delle loro 120 Tribù                                       216      361
id. dai Consoli Romani                                                     215        1
id. dai Galli Boj per la seconda volta                                     190       25
Fatta Colonia Romana, ed ascritta alla Tribù Lemonia
nel 190 avanti la nascita di Gesù Cristo , e così
governata dai Romani fino all'anno                                          47      143
Governata da C. Giulio Cesare fino al                                       44        3
id. dai Consoli di Roma                                                     26       18
id. dai Cesari fino alla venuta di Gesù Cristo                               0       26
                                                                       Era Cristiana
id. dai suddetti fino al                                                   382      382
Governo libero, e prima forma di Repubblica indipendente fino al           385        3
Governata di nuovo dagli Imperatori Romani                                 493      108
id. da Teodorico Re degli Ostrogotti, e dai suoi successori                553       60
id. dagli Imperatori Romani un'altra volta                                 568       95
id. dagli Esarchi di Ravenna                                               732      164
id. da Alboino Re dei Longobardi                                           755       23
Donazione di Pipino al Sommo Pontefice                                     756        1
Governata da Astolfo, e da Desiderio conte di Toscana                      774       18
id. da Carlo Magno e dai suoi successori                                   840       66
Indipendenti, e seconda forma di Governo Repubblicano                      844        4
Governata dagli Imperatori d'Occidente                                     962      118
id. da Ottone il grande                                                    963        1
Libertà donata da Ottone il grande,
e terza forma di Governo Repubblicano                                     1077      114
Dipendente da Enrico IV Imperatore                                        1078        1
Libertà del popolo ricuperata colla protezione del Papa
e coll'aiuto della contessa Matilde                                       1111       33
Dipendente un'altra volta da Enrico IV Imperatore                         1113        2
Libertà ripristinata e quarta forma di Governo Repubblicano               1153       40
Cambiamento di Governo Repubblicano, ed elezione del Podestà              1160        7
Dominata da Federico Barbarossa
per mezzo del suo Governatore Bozzo                                       1164        4
Libertà ricuperata, ed elezione di sette Consoli                          1194       30
Podestà invece dei Consoli,
il qual Podestà non può mai essere cittadino Bolognese                    1220       26
Assoluta indipendenza accordata dagli
Imperatori d’ Occidente ai Bolognesi.
Prigionia del Re Enzo. Sommissione di
Ravenna, Imola, Forlì , Forlimpopoli , Faenza, Bagnacavallo,
e di altre Terre, le quali tutto li 6 Marzo 1257
giuravano sulla piazza fedeltà al Consiglio e al Popolo di Bologna      
Sommo apice della grandezza della Repubblica Bolognese                    1278       58
Protezione di Papa Nicolò III. per sedare le discordie civili.                    
Rettore Pontificio in Bologna                                              1279        1
Partenza del Rettore Pontificio
in causa delle discordie rinate fra i cittadini.
Elezione di nove Consoli tratti, dalle famiglie magnatizie,
i quali restavano in carica quindici giorni.                              1280    mesi 3 circa
Governo del Podestà, e cacciata da Bologna dei Ghibellini.
Origine della festa popolare della Porchetta,
che si celebrava il 24 Agosto.
Principio della decadenza della Repubblica Bolognese                      1283        3
Podestà eletti semestralmente al Governo della Repubblica.
Ritorno dei Rettori Pontificii, ma senza alcuna giurisdizione              1296       13
Offerta del dominio fatta dalla fazione Guelfa a Bonifazio VIII,
il quale nomina, ma non manda un suo Rettore,
lasciando tutta l’autorità nelle mani dei Magistrati                      1300        4
Anziani Consoli dichiarati dal Papa Vicari della Chiesa
con assoluta autorità di mero e misto Impero                              1321       21
Gonfaloniere di Giustizia eletto per la prima volta
per ordine del maggior Consiglio,
affine di frenare l’autorità arrogatasi dal Rettore Pontificio              1327        6
Primo assoluto Governo Pontificio per volontaria dedizione
fatta a Giovanni XXII                                                     1334        7
Libertà riacquistata, e rielezione del Podestà.
Il Legato assediato nella cittadella di Galliera,
fatta fabbricare dal Papa sotto ingannevoli pretesti,
ma unicamente per conservare l’assoluto suo dominio                       1335        1
Nuova sommissione alla Chiesa.
Il Podestà , i Magistrati, e le loro autorità,
non che i privilegi sono conservati. Vicari Pontifici rimessi              1337        2
Signoria di Taddeo Pepoli,
creato Capitano Generale e Dittatore dai Bolognesi                        1340        3
Rinunzia di Taddeo alla Signoria,
il quale è nominato dal Papa in suo Vicario
col titolo di Generale Conservatore della Pace e della Giustizia,
col peso di pagare sei mila Fiorini d’oro annualmente alla S. Sede.       
Morte di Taddeo                                                           1347        7
Signoria di Giovanni e Giacomo figli di Taddeo Popoli,
alla qual carica sono eletti dal Consiglio dei 400                        1350        3
Vendita della città e territorio bolognese per
200,000 Fiorini d'oro fatta dai fratelli Pepoli
a Giovanni Visconti arcivescovo di Milano.
Fortezza fabbricata alla Porta del Pradello.
Governo di Giovanni Oleggio                                               1352        2
Cessione di Bologna al Papa fatta dal Visconti.
Legato Pontificio che prende possesso della città e del territorio        1353        1
Investitura data dal Papa al Visconti dello Stato bolognese
per anni 12. Ritorna Governatore l' Oleggio                               1354        1
Matteo Visconti erede del morto Giovanni arcivescovo di Milano
conrfemato dal Papa nell'investitura. L' Oleggio continua nel Governo     1355        1
Usurpazione dell' Oleggio, che di Governatore
si rende Signore di Bologna                                               1360        5
Cessione dello Stato di Bologna fatta dall' Oleggio
al Cardinal Egidio Albornozio Legato di Innocenzo VI.
Rettori e Legati Pontificii. Vittoria di S. Ruffillo                      1376       16
Libertà ripresa. Stendardo mandato dai Collegati Fiorentini
ai Bolognesi portante Libertas in lettere d'oro su fondo azzurro.
Ripristinazione degli Anziani Consoli,
 del Gonfaloniere di Giustizia e di tutti gli altri Magistrati            1377  quasi un anno
Forma di Repubblica con riduzione di Magistrati,
e facoltà accordata al Gonfaloniere di batter moneta                      1378        1
Giovanni da Lignano nominato dal Papa in suo vicario
in Bologna coll'annuo assegno di 10,000 Fiorini d'oro                     1382        4
Repubblica ristabilita sotto la protezione del Papa,
il quale dichiara la città affatto libera in benemerenza
di essersi opposta all'antipapa Clemente.
Gli Anziani Consoli, e il Gonfaloniere di Giustizia
sono dichiarati Vicari Pontificii col peso di tributare
alla Chiesa 5000 Fiorini d'oro ogni anno                                  1398       16
Tentativo inutile di Taddeo di Giovanni Pepoli
d'usurpare la Signoria di Bologna. Morte di Giovanni da Lignano.
Il maggior Consiglio dei 600 vien detto dei 400,
dal seno del quale vengono estratti gli Anziani, ed il Gonfaloniere.
Preponderanza di Carlo Zambeccari, per cui tutte le Magistrature
sono persone addette al suo partito. Morte di Carlo Zambeccari            1399    mesi 10
Repubblica governata dal Maggior Consiglio                                1400        1
Signoria di Giovanni I. Bentivoglio ottenuta coll'aiuto dei Visconti      1402    mesi 27
Libertà ricuperata, e creazione di due Capitani Magistrati
eletti da Nanne Gozzadini che rifiuta l'offertagli Signoria.
I detti Magistrati sono deposti per non essere benevisi ai nobili.
Giovanni I. è salvato da Nanne. Elezione dei Magistrati
secondo le antiche Costituzioni.
Le truppe di Galeazzo Visconti sono introdotte in Bologna.
Giovanni I. Bentivoglio è trucidato sulla Piazza dal popolo.
Signoria di Galeazzo Visconti, e poi
di Giovanni Maria di lui figlio.                               dal 27 al 28 giugno (durata) 2 giorni
Facino Cane Governatore di Bologna. Guido di Giovanni Pepoli
acclamato in un tumulto Signore di Bologna , e suo rifiuto.               1403   mesi 25
Bonifazio IX, riprende Io Stato mediante il Cardinale
Baldassarre Cossa                                                         1411   mesi 8 non compiti
Sollevazione della plebe, e creazione di Magistrati
tratti da uomini plebei.                                                  1412   mesi 15 non compiti
Restituzione alla Chiesa della città, stipulata dal Papa
con Giacomo Isolani per un Cappello Cardinalizio.
Cittadella di Galliera demolita dai Massari delle Arti                    1416       4
Bologna di nuovo in libertà. Elezione di 16 Riformatori
dello Stato di libertà                                                    1418       2
Libertà confermata da Martino V.
pagandogli 600 Fiorini d'oro all'anno.
I Riformatori sono ridotti al numero di dieci                             1420       2
Acclamazione di Antonio di Giovanni I Bentivoglio
fatta dai suoi partigiani.
Il numero dei Riformatori è rimesso a sedici.
Creazione dei 10 di Balia.
Martino V. scomunica il Consiglio, e mette l' interdetto alla città       dal gennaio 1420 all'agosto 1421  mesi 19
Sommissione di Bologna alla Chiesa colla riserva
di creare bimestralmente il Gonfaloniere,
e di nominare gli altri Magistrati secondo gli usi antichi.
Cardinali Presidenti, con qualità di Legati mandati dal Papa
a reggere la città                                                        1428       7 
Repubblica ristabilita, e cacciata dei Legati dal Comune,
che è di nuovo interdetto.                                                1429       1
Governo Pontificio ristabilito per opera del Vescovo Cardinale Albergati.
Nuove Capitolazioni approvate dal Legato del Papa,
e conferma del Magistrato dei sedici Riformatori                          1430       1
Bologna rimane libera per la partenza del Legato
e del suo Luogotenente. I Canetoli , i Zambeccari e i Griffoni
hanno le redini del Governo                                               1431       1
Pace fra Eugenio IV. e i Bolognesi.
Nuovi capitoli stipulati fra le parti.
Per il tentativo di sopprimere i Riformatori, sono scacciati
da Bologna il Governatore e le truppe Pontificie                          1434       3
Battista Canetoli alla testa del Governo.
Abolizione del Consiglio detto dei Venti nominato dal Papa,
sostituendovi i 10 di Balìa                                               1435       1
Deposizione del Canetoli , e nuovi patti convenuti col Papa.
Il Castello di Galliera è rifabbricato.
Ripristinazione di un Governatore in luogo del Legato,
titolo abborrito dai Bolognesi                                            1438       3
Colla protezione di Filippo Maria Visconti
Duca di Milano è restituita Bologna alla sua libertà,
e ristabilimento degli antichi Magistrati.
Nicolò Picinino scelto dal Visconti alla sovraintendenza della città      1443       5
Governo degli Anziani Consoli, intermedio fra i Sovraintendenti
del Duca di Milano e la Signoria dì Annibale Bentivoglio.
Riduzione del Consiglio dei Riformatori, chiamato Consiglio Eletto,
dal quale deriva poi il Senato                                            1443    vari mesi
Signoria d'Annibale I Bentivoglio, assassinato in appresso
dai Canetoli e dai Ghisilieri. Sante di Ercole Bentivoglio
è eletto capo del Consiglio e nominato curatore di Giovanni II            1447       3
Sommissione volontaria di Bologna a Nicolò V e nuovo Capitolato.
Dimissione di Sante Bentivoglio dal Dominio.
Il Papa spedisce un Governatore creato poi Cardinale,
ed in seguito dichiarato Legato con malcontento di Bologna                1449       2
Partenza del Legato e del suo Luogotenente.
Sante riprende la Signoria, ed è disfatto alla Riccardina
dalle truppe Pontificie. Tregua accordata a Sante                         1450 un anno non comp.
Riconciliazione col Papa, che manda un Governatore,
e poscia un Legato, salvo però i patti e i capitoli di Nicolo V.
Statuti compilati coll'intelligenza del Pontefice.
Abusi nelle elezioni e Decreto fatto nel 1460
di commetterle alla sorte, ponendo i nomi in una cassa
da conservarsi nella Segreteria di San Domenico                           1465      15
Tentativi di Paolo II per sottomettere interamente Bologna
al suo dominio. Abolizione dei XVI Riformatori,
ai quali viene sostituito un Senato di 21 Nobili,
creato dall' influenza di Giovanni II.
per reggere la città in unione ai Governatori Pontificii.
Giovanni II, essendo venerato qual Signore di Bologna, fino dal 1463
fu nominato capo di questo nuovo Magistrato                               1494       29
Governo in parte cambiato da Alessandro VI mandando
nel 1494 e 1496 due vice-Legati in posto dei Luogotenenti,
i quali erano nominati dai Legati. L'ultimo dei due vice-Legati
fu rimandato al Papa, perchè contrario alle convenzioni.
Progetto del Papa di dar Bologna a Cesare Borgia suo figlio bastardo      1499        5
Ristabilimento del Governo a norma dei patti stipulati.
Il Borgia ed il di lui esercito vengono scacciati dal bolognese.
I Bentivogli sono citati a Roma nel 1501 come rei di Stato.
Giovanni si scusa col Papa, poi risolve di rendersi assoluto
padrone di Bologna, lo che gli attira l'odio dei suoi concittadini.
Giulio II. scomunica i Bentivogli e poi gli scaccia dal bolognese         1506        7
Bologna ritorna sotto il Governo assoluto del Papa.
Il Senato è portato a 40 individui                                        1511        5
Annibale II Bentivoglio entra per la porta di S. Felice
e viene acclamato Signore di Bologna. Il Castello di Galliera
viene rovinato per la quinta ed ultima volta.
Il Senato è ristretto a 31 individui, essendone capo Annibale.
Questo Senato viene chiamato dei Sedici, perchè con questo numero
di membri erano valide le deliberazioni.                                  1512        1
I Bentivogli sono di nuovo e per l'ultima volta cacciati da Bologna.
La città e il territorio si danno al Pontefice sotto il Capitolato
di Nicolò V, che viene da Giulio II confermato.
Il Senato è rimesso al numero di 40                                       1526       14
Governo libero del Senato per la partenza di Goro Geri
Governatore Pontificio in causa della invasione
dell'armata con dotta dal Duca Carlo di Borbone                                  vari mesi
Assoluto dominio del Papa, che governa Bologna mediante
Legati a Latere e vice-Legati, e Auditori del Torrone, ossia Criminali.
Cessa la carica di Podestà. Nel 1534 si accorda questo titolo ad uno
dei cinque auditori di Rota creati dal Senato, i quali Giudici rimanevano
in carica per cinque anni, nel qual periodo ciascun auditore copriva
la carica di Podestà. Nel 1720 furono ridotti a tre ,
poscia fu ripristinato quello di cinque,
finalmente nel 1542 fu rimesso il numero di tre,
essendo per un biennio ciascun d'essi Podestà,
facendo la sua solenne entrata
nel primo Luglio. Nel 1572 fu abolito il Collegio dei Procuratori,
che teneva luogo del già soppresso Magistrato della Pace,
il qual Collegio ve stiva l'abito senatorio.
Nel 1577 fu eretto il Tribunale della Concordia,
composto di due Senatori , di due gentiluomini cittadini,
di due dottori , di due mercanti , e di due canonici, o preti,
a piacimento del Senato. Nel 1590 il Senato fu portato da Sisto V
a 50 soggetti. Morendone uno, il Senato presentava
una terna al Papa, sulla quale egli sceglieva.
Nel 1744 sotto il Pontificato di Benedetto XIV
furon fatte di verse riforme sugli affari criminali, sulle torture,
sui sindacati, sulle cavalcate, sulle provvigioni degli esecutori
della giustizia, e proibito ai birri l'uso del cane per inseguire
e fermare i rei. Nel 1748 Bologna fu tolta dalla giurisdizione
della Congregazione del Buon Governo                                      1796      270
Occupazione delle armate francesi condotte dal generale
Napoleone Bonaparte. Tutta l'autorità governativa è affidata
provvisoriamente al Senato, al quale con elezione popolare
se gli aggiungono N. 42 individui, che presero possesso
il 10 Novembre 1796. Formazione ed accettazione
della democratica Costituzione bolognese.
Congresso tenuto in Reggio e in Modena per la compilazione
della Cispadana Costituzione                                              1797     mesi 9
Repubblica Cispadana, della quale è capitale Bologna.
Fine del Senato, di tutte le Magistrature
e delle Corporazioni d'Arti di Bologna il primo Giugno                    1797     mesi 2
Sospensione della Costituzione Cispadana, e Comitato centrale             1797     mesi 1
Aggregazione della provincia di Bologna alla Repubblica Cisalpina.
Il territorio bolognese riceve dalla nuova Costituzione
il nome di Dipartimento del Reno                                          1798     Un anno
Riforma della Costituzione Cisalpina fatta dall'ambasciatore
francese Trouvè                                                           1798     due mesi
Cambiamento operato dal generale in capo francese Brune                            un mese
Ripristinazione della riforma Trouvè fatta dall'ambasciatore
francese Rivaud                                                           1799     7 mesi
Invasione delle armate Austro-Russe, e Governo affidato
a cinque individui Bolognesi col nome di
Imperiale Regia Reggenza                                                  1800     Un anno
Seconda invasione dell'armata francese e risorgimento
della Repubblica Cisalpina                                                1802      2
Convocazione dei Comizi di Lione, dove vien compilata
una nuova Costituzione. Principio della Repubblica Italiana,
della quale ne è presidente Napoleone Bonaparte primo console
della Repubblica francese. Nomina dei Prefetti al governo
dei dipartimenti, e dei Podestà per il governo municipale
delle Città e delle Comuni                                                1805      3
Nuova Costituzione e creazione del Regno d' Italia,
del quale ne è acclamato Sovrano col titolo di Re
Napoleone I Imperatore dei francesi.
Pubblicazione del Codice Civile nel 1806                                  1814      9
Occupazione del Dipartimento del Reno fatta dalle armate
di Gioachino Re delle due Sicilie                                               mesi 2 giorni 10
Governo provvisorio austriaco esercitato da una Commissione,
che estende le sue facoltà sulle tre Legazioni,
tenendo la sua sede in Bologna                                            1815      11 mesi
Seconda invasione Napoletana. Il Re Gioachino nominò
un Commissario con giurisdizione sui Dipartimenti del Reno,
Panaro, Basso Po, e Rubicone, non che del distretto di Ravenna,
fatto Dipartimento col nome della Pigneta.
Il suddetto Commissario teneva la sua residenza in Bologna                1815      giorni 14
Ritorno delle armate Austriache                                           1815      mesi 3
Pace di Vienna, nella quale è stipulata la restituzione
di Bologna e delle altre due Legazioni al Papa.
Governo provvisorio sostenuto da un Delegato Apostolico                   1816      un anno e 45 giorni circa
Governo stabile Pontificio secondo il Motu Proprio di Pio VII
del 6 Luglio 1816, regolato da un Legato non più a Latere,
e da un vice-Legato.
Gli affari Municipali furono affidati a un Senatore
per la Città di Bologna, e a un Gonfaloniere
per le Comuni del territorio.
Li 18 Luglio 1816 il Papa ne fu messo in pieno possesso.

Se ci sarà dato di pubblicare — I Riformatori dello stato di Libertà di Bologna — , lavoro pur questo di Giuseppe Guidicini, che dal secolo XIV progres sivamente giunge al XVIII, si avrà luogo riconoscere qual nobile disinteresse, ed amor patrio governasse gli uomini di quei dì, che facevano parte del Senato e del Consiglio che a sì nobili qualità e ad una severità senza pari accoppiar sapevano modi cortesi e singolarissima amorevolezza per tutti indistintamente. Né in minor conto dovrà tenersi la protezione da essi accordata alle scienze ed alle arti, che tanto fiorirono in questa nobilissima nostra città, e che gli è a desiderare sia da noi contemporanei emulata, proseguendo in quella via che intesero tracciarci con tanto generosa abnegazione e perseveranza.