Ex Convento di Santa Maria degli Angeli

Cartigli

Ex convento di Santa Maria degli Angeli

Antico convento camaldolese, venne eretto nel 1330; l'edificio passò nel 1598 al Collegio Montalto. Qui si trovava il polittico di Giotto, ora nella Pinacoteca Nazionale. Del complesso originario resta la bifora quattrocentesca della facciata, con rilievi in terracotta. 

Indirizzo:

via San Mamolo, 24


Miscellanea Notizie Chiese e Conventi già esistenti nel Circondario di Bologna.
SANTA MARIA DEGLI ANGELI.
Fuori porta S. Mamolo. II cardinale Beltrando Legato di Bologna nel 1328 rimise i Pepoli in Bologna. Nei libri dei Memoriali sotto la data dei 18 aprile 1328 trovasi registrato un atto dal quale è d'uopo assicurarsi che nel 1328 era di recentissima fondazione. Di fatti sotto la data 1326 si legge in un atto di processo un procuratore di Gera Pepoli allora esule, che fa certa provvisione sopra la chiesa di Santa Maria degli Angeli spettante a detto Gera per cui è a ritenersi che l'avesse edificata prima della sua espulsione che fu nel 1321 forse emancipato come lo erano tutti i figli di Romeo, e potrebbe essere benissimo che vi avesse collocato le suore. In fatti appena scorso un mese dal suo ritorno si trovano nominate le suore, nè si poteva in si ristretto tempo aver fabbricato il convento per ivi collocarle Di più si noti che fu sempre denominata Santa Maria dell' Angelo benchè poi si dicesse degli Angeli. In detto libro dei Memoriali sotto l'anno 1329 e registrato il testamento di Paolo Sassolini nel quale evvi un legato per queste suore. Da varii atti si rileva esser vero che Gera ne fu il fondatore sapendosi da molte storie che i Pepoli erano slati scacciati da Bologna e poi ripatriati nel 1328 e con essi Gera per cui si deduce che che prima dell'esilio si cominciasse questa fabbrica che fu compita subito dopo il loro ritorno. Nel 1337 ai 25 settembre nel libro dei Memoriali è registrato un atto dal quale rilevasi che in quel anno non vi erano più le suore, ma invece i canonici Renani, i quali però non vi si fermarono molto tempo, perchè ne' sopradetti libri de' Memoriali sotto la data 1341 trovasi registrato il testamento di Margherita figlia naturale di Romeo Popoli che fa un legato al Cappellano Ecclesie Domini Gere de Pepolis, per cui sembra che non vi fossero più i Renani. Nel 1370 Giovanni dall'Armi comprò dagli eredi di Gera Pepoli la detta Chiesa che poi la donò ai Camaldolesi di S. Michele di Murano.
(Vedi Annali Camaldolesi.).