Alfonso Rubbiani (Via)

Via Alfonso Rubbiani.
Da via del Cestello a viale Enrico Panzacchi, attraversando viale XII Giugno.
Quartiere Santo Stefano.
Prima documentazione dell'odonimo: 1925.

La parte di questa via che si trova a monte di viale XII Giugno è di recente apertura, mentre la parte rimanente, a valle del viale coincide con parte di via della Ballotte (si veda via Solferino per le note odonomastiche relative). Questa parte di via delle Ballotte era nota anche come Piazzale dell'Avesa o del Crocifisso del Cestello (Guidicini, I, 397 e I, 84), ma più frequentemente come Piazzola d'San Bernard (Banchieri), Piazzola di San Bernardo (Taruffi) e Piazza di San Bernardo (Indicatore), dal vicino soppresso monastero di San Bernardo.


Fonti citate in questo articolo.
BanchieriOrigine Delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi, di Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri), pubblicato da Clemente Ferroni nel 1635.
TaruffiAntica fondazione della città di Bologna degnissima madre di studj, di Gianandrea Taruffi, pubblicato nel 1738.
GuidiciniCose Notabili della Città di Bologna ossia Storia Cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati, di Giuseppe Guidicini (scritto prima del 1837, ma pubblicato nel 1868).
IndicatoreIndicatore Bolognese riferibile a ciascun edifizio componente la città, di Sebastiano Giovannini  pubblicato nel 1854.