Giacomo Leopardi (Via)

Via Giacomo Leopardi.
Quartiere Porto.
Prima documentazione dell'odonimo: 1955.

Questa moderna via è nata recentemente con la creazione di Via Guglielmo Marconi e con la ricostruzione post-bellica.

La targa stradale porta, sotto all'attuale nome (Via Giacomo Leopardi), la dicitura già Pugliole di San Bernardino.
Questa dicitura è errata, così come erra il anche il Fanti, che nel suo libro (II, 459), fa un correttissimo ragionamento sull'opportunità di dare o meno ad una via così modesta il nome del grande poeta dell'Infinito, facendo perdere un odonimo caratteristico come Pugliole di San Bernardino... senonchè questa strada non ha niente a che vedere con le vere Pugliole di San Bernardino che si diramavano da Borgo Polese (oggi via Polese) una cinquantina di metri più a nord, all'altezza della Galleria del Reno, andando da est a ovest, e dopo circa venticinque metri, si dirigevano verso nord per andare a sovrapporsi, per gli ultimi 110 metri (circa) con il tratto finale di via Guglielmo Marconi finendo in via del Porto.

Piuttosto, via Giacomo Leopardi ha preso il posto dello scomparso Vicolo Poggi, anche se in realtà il Vicolo Poggi era qualche metro più a nord di dove oggi si trova Via Leopardi.

L'origine di tale imprecisione risale a sqando venne creata la Via Roma (con il prolungamento e l'allargamento del Borgo delle Casse): le Pugliole di San Bernardino vennero ridotte ad un moncone cieco (anonimo) per una parte, mentre l'altra fu inglobata nella nuova via. Il Vicolo Poggi venne trasformato e divenne più o meno (a meno delle modifiche fatte con le ricostruzioni post belliche) quello che oggi è Via Leopardi, ma fu chiamato erroneamente Via San Bernardino (che era il nuovo nome, dopo il 1878 delle Pugliole di San Bernardino).


Fonti citate in questo articolo.
Fanti: Le Vie di Bologna. Saggio di Toponomastica Storica, di Mario FantiIstituto per la Storia di Bologna, 2000.