Canonica (Via)

Via Canonica.
Quartiere San Vitale.
Prima documentazione dell'odonimo: 1692

L'odonimo Canonica comparve per la prima volta nella pianta del Mitelli (1692). Gli autori più antichi ignorarono questa via, con l'eccezione dell'Aretusi, che però la chiamò Via di San Donato, evidentemente perchè fiancheggiava (allora come oggi) la chiesa di San Donato. Anche il Monari usò l'odonimo Via Canonica. Il Guidicini non la descrisse esplicitamente, ma la nomina più volte (II, 53, 294) come Via Canonica di S. Donato (odonimo ufficializzato dalla riforma delle lapidette del 1801), per distinguerla da altra Canonica (di San Pietro, attuale via del Monte).
Itinerario, Origine ed Indicatore usarono l'odonimo Canonica di San Donato. In particolare l'Origine spiegò che il nome fu dato dopo lavori di pesante ristrutturazione della chiesa la cui facciata, che era verso il Palazzo Malvasia, fu voltata come è ora, verso via Zamboni.
Dato che è certo che la chiesa subì due restauri, il primo (in pratica una ricostruzione) nel 1454 ed un secondo nel 1751 (Fanti, I,239, Guidicini, II, 53), c'è da chiedersi quale dei due fu quello a cui l'Origine si riferì.
Non può essere il secondo, in quanto Canonica comparve già nel 1692. Non può essere il primo perché dal 1454 bisogna aspettare due secoli e mezzo per vederne l'effetto sul nome descritto dall'Origine. Si può ipotizzare con il Fanti che sia la casa canonicale annessa alla chiesa ad avere dato il nome alla via, ma un'ombra di incertezza viene data  dal fatto che tra la canonica (al numero 12 di via Zamboni) e la via Canonica c'è al numero 10 la chiesa.
La riforma toponomastica del 1873-78 semplificò il nome della via in via Canonica.


Fonti citate in questo articolo.
AretusiOrigine di Bologna. Pianta di Bologna di Costantino Aretusi, pubblicata nel 1636.
MitelliBologna in pianta, città del Papa, famosa pianta di Agostino Mitelli, pubblicata nel 1692.
MonariCittà di Bologna posta in pianta in esatta misura con la distinzione de portici che sono in essa, Pianta di Gregorio Monari, pubblicata nel 1745.
GuidiciniCose Notabili della Città di Bologna ossia Storia Cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati, di Giuseppe Guidicini (scritto prima del 1837, ma pubblicato nel 1868).
ItinerarioItinerario di tutte le strade, borghi, vie, vicoli e viazzoli della città di Bologna colla distintiva d'ogni Strada a qual commissariato di Polizia appartenga, pubblicato a Bologna nel 1835. 
Origineorigine della denominazione delle 334 strade che compongono la città di bologna, di Goldini e C.. Pubblicato a Bologna nel 1843
IndicatoreIndicatore Bolognese riferibile a ciascun edifizio componente la città, di Sebastiano Giovannini  pubblicato nel 1854.
Fanti: Le Vie di Bologna. Saggio di Toponomastica Storica, di Mario FantiIstituto per la Storia di Bologna, 2000.